Da pochi giorni non si fa altro che parlare del pos obbligatorio. Infatti il pos obbligatorio per professionisti è un provvedimento neonato. L'obbligo è entrato in vigore dal 30 giugno 2014. proprio pochi giorni fa, in cui però si è scatenato un putiferio. Vediamo nello specifico di che cosa si tratta. Il pos è quello strumento che ci permette di pagare con carta di credito quando facciamo i nostri acquisti, lo abbiamo sicuramente già visto in molti negozi ed attività come alberghi e ristoranti e magari qualche volta lo abbiamo anche usato. Ma di certo è più raro vederlo in piccoli negozietti abituati ai contanti.

Ma da i non è più così. Il pos obbligatorio prevede che anche i più piccoli debbano averlo per permettere a chiunque di poter pagare con la carta di credito. Ma c'è ancora molta confusione in merito. In primo luogo c'è da dire che il pos è obbligatorio per professionisti come geometri, commercialisti, e chiunque offra un servizio al pubblico ma che l'obbligo di accettare pagamenti con il pos scatta con le cifre superiori a 30 euro. Quindi se per cifre uguali o superiori i commercianti rifiutano di farvi pagare con il pos sappiate che sono in difetto.

È un sistema questo per scongiurare la piaga italiana dell'evasione fiscale. Con il pos obbligatorio infatti si ha anche lo scontrino obbligatorio, il commerciante quindi non può fare guadagni "sottobanco" in quanto tutti i guadagni sono tracciabili. La confusione scatta perché la norma entrata in vigore il 30 giugno non prevede sanzioni per chi non si dota del pos obbligatorio per professionisti entro i termini prescritti dalla legge.

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza

Se il negozio o il professionista non ha ancora il pos è prevista la possibilità per il creditore di pagare in un secondo momento. Quindi il cliente diventa una specie di debitore.
Su consiglio delle associazioni di categoria, l'individuazione di forme di pagamento differenti viene rimessa alle due parti. Se vedete che il negozio non è ancora fornito di pos dovrete quindi mettervi d'accordo con il commerciante sulla modalità di pagamento. Sempre se la spesa in questione supera i 30 euro.  

Più complessa si fa la questione dei professionisti che offrono servizi fuori sede, tipo gli idraulici, o chiunque lavori facendo servizi a domicilio. Non è ancora chiaro appunto se dotarsi o meno di un pos portatile (per tutti i dipendenti), o se ne debba avere solo uno la sede dell'azienda.
La polemica nasce dal fatto che in tempi di crisi molti piccoli commercianti devono aspettare una spesa non facile per dotarsi del pos.


One Response to Pos Obbligatorio per Professionisti

  1. I don’t even know how I ended up here, but I thought this post was
    great. I do not know who you are but definitely you’re going to a
    famous blogger if you are not already 😉 Cheers!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scroll to Top